Track Day

Perché Trackrat?

Tra le molte ragioni che hanno reso i trackday di Trackrat eventi di alta qualità e che li distinguono, c'è il fatto che filtriamo i partecipanti non in base al valore del loro veicolo, ma in base al loro atteggiamento.

Questa è la parte più difficile, richiede conoscenza, giudizio, dedizione e naturalmente l’impegno che mettiamo nel rendere ogni giornata in pista un’esperienza unica e imbattibile sul circuito per tutti i nostri partecipanti.

Il miglior tandero non è quello che va più veloce, non è quello che fa il giro più veloce, non è quello che sorpassa più macchine, non è quello che ha l’auto più costosa….

Il miglior tandero è quello con cui tutti vogliono condividere una giornata in pista, quello che dà gioco in pista, quello che contribuisce maggiormente a rendere migliore la giornata di tutti con il suo spirito agonistico ben compreso, sano e solidale.

Regole della giornata in pista

I trackday sono unici perché hanno un proprio regolamento, completamente diverso da qualsiasi altra forma di sport motoristico o attività su pista. Di seguito cercheremo di spiegare le regole di un trackday con Trackrat e in particolare le regole di sorpasso.

Una giornata in pista è un po’ un gioco di equilibri: se da un lato vogliamo che la giornata sia un’esperienza divertente con il minor numero possibile di restrizioni, dall’altro dobbiamo assicurarci che sia il più sicura possibile e questo richiede alcune regole.

Prima di tutto, una giornata in pista non è una gara, non è una sessione di qualificazione, non è una prova a tempo e non ci sono vincitori o vinti. Una giornata in pista è un’opportunità per tutti di guidare la propria auto su un circuito di velocità e di godersi l’esperienza in un ambiente sicuro senza infrangere alcuna legge.

A volte possono sorgere dei problemi perché, a causa del nome e della natura stessa dell’attività, “guidare su una pista”, alcuni partecipanti possono avere difficoltà a capire che una giornata in pista non è una gara.

In una gara, tutti vogliono vincere, sono lì per andare al 100%, a tutta velocità, il più velocemente possibile, e tagliare il traguardo prima di tutti gli altri, e sono disposti a rischiare molto per farlo, a volte il loro veicolo o addirittura la loro stessa sicurezza, ma tutti in pista sono pienamente consapevoli di questo e accettano i rischi connessi.

Maggiori informazioni!

In una giornata in pista ci sono tutti i tipi di partecipanti, con diverse classi e categorie di veicoli e diverse motivazioni quando si tratta di utilizzare il tempo in pista.

Per quanto riguarda il veicolo, alcuni vengono con la loro nuova auto supersportiva, altri con la stessa auto che guidano ogni giorno per andare al lavoro, altri ancora con auto d’epoca, altri ancora utilizzano le giornate in pista per testare le auto da corsa.

Le motivazioni sono molteplici, così come i veicoli, e vanno dalla possibilità di utilizzare tutto il potenziale di una macchina senza dover rischiare la propria sicurezza o quella degli altri, o di commettere un reato, alla ricerca dei limiti della macchina o di se stessi in una sfida costante tra meccanica e fisica, elettronica e mentale.

Anche l’esperienza e la competenza fanno la differenza. Mentre alcuni si cimentano per la prima volta in un circuito, altri possono essere piloti esperti che hanno addirittura partecipato a competizioni e tra questi troviamo una splendida gamma di appassionati di motori che, con più o meno ore di volo e la capacità di spingere al limite le proprie auto, arrivano al track day e partono per fare dei giri del circuito.

Affinché una giornata in pista sia possibile sono necessari tutti questi tipi di partecipanti. Partendo dal presupposto che tutti hanno gli stessi diritti e doveri e che tutti, con la loro grande varietà di competenze, esperienze e macchinari, devono coesistere nel tempo e nello spazio, per far sì che tutto fili liscio è essenziale che ci siano delle regole stabilite che facilitino la coesistenza ed è essenziale che voi, i partecipanti, le rispettiate.

Alla fine, è responsabilità dell’organizzatore fare in modo che tutte queste differenze influiscano il meno possibile sulla giornata dei partecipanti, attraverso l’omogeneizzazione dei gruppi in pista, la fornitura di istruzioni, ma soprattutto di informazioni generali e, più in particolare, di un breve briefing per i piloti che sia completo ed esteso quanto necessario.

Ma forse tutto inizia molto prima, con la selezione dei partecipanti. Perché finora si è parlato solo di differenze, ma è chiaro che per finire nello stesso giorno sullo stesso circuito, nello stesso track day, devono avere qualcosa in comune.

La verità è che sì, e da Trackrat sottolineiamo che questi fattori comuni sono la passione, l’amore per questo sport, la competitività, ma soprattutto il rispetto. Il valore delle auto non ha importanza. Per ognuno dei partecipanti a uno dei nostri track day, la propria auto è il bene più prezioso e il desiderio è quello di proteggerla al di sopra di ogni altro obiettivo.

La prima regola da rispettare in una giornata in pista è quella di tornare a casa tutti interi, pilota e macchina.

Affinché tutto fili liscio, quando due o più vetture si incontrano in pista, è necessario avere ben chiaro come comportarsi, a partire dal fatto che in una situazione di sorpasso, chi decide di sorpassare è il primo ad essere ritenuto responsabile di quanto accade.

I più veloci devono essere pazienti e i più lenti devono essere disposti a facilitare le cose. In questo modo nessuno si innervosisce. La regola è “Auto superata auto superata”. Se guardate nello specchietto retrovisore e non vedete nessuno, guardate di nuovo e c’è un’auto, che sta arrivando più veloce di voi. Quando è possibile, è bene che sia facile, soprattutto senza movimenti improvvisi o cambi di direzione inaspettati. In tutto questo, l’uso degli specchietti e degli indicatori di direzione è fondamentale, in quanto indicano che lo avete visto e cosa state per fare, senza movimenti improvvisi o cambi di direzione inaspettati.

Gira a destra, io rimango a destra, passami a sinistra

Gira a sinistra, io rimango a sinistra, passami a destra.

Allo stesso tempo, il veicolo più veloce deve sempre tenere presente che se sta raggiungendo un altro veicolo e quest’ultimo non segnala nulla, la responsabilità è del veicolo più veloce. Ricordate che una singola decisione sbagliata può fare la differenza tra la giornata migliore e quella peggiore e ultimamente abbiamo avuto un paio di spaventi che fortunatamente non hanno avuto conseguenze perché un pilota ha frainteso la manovra di frenata di un altro pilota come una manovra di sorpasso.

È ovvio che ci sono punti migliori di altri per le manovre di sorpasso, soprattutto nei rettilinei. L’idea generale è che utilizzando questo sistema e con la collaborazione di tutti, le cose saranno fatte nel modo migliore e più sicuro e potremo godere di una giornata di traffico scorrevole, senza incidenti e con il minor numero di disagi.